Il sistema Winiride: non solo un software per documentare la scuola

indire - logo


 


Winiride


Data di pubblicazione

L’anno in cui un libro o un documento è pubblicato. La data effettiva corrisponde al momento in cui il libro è messo in circolazione, si distingue sia dalla data del copyright (anno in cui è  stato acquisito il diritto a pubblicare), sia dalla data di stampa (data in cui la tiratura è stata consegnata al magazzino dell’editore)

Dedicatoria

Lettera di dedica che precede il testo.

Descrittore

Termine, notazione o altro insieme di simboli usati per definire il soggetto di un'opera.

Descrizione a più livelli

E' un tipo di descrizione che si usa per opere pubblicate in più volumi. A questo proposito lo standard ISBD(M) prevede due possibilità: l'indicazione dei singoli volumi in una nota d'indice della descrizione dell'opera generale, oppure una descrizione a più livelli. Quest'ultima è composta da una descrizione completa dell'opera generale come primo livello e dalle descrizioni ridotte dei singoli volumi in cui l'opera è divisa, come secondo livello; le descrizioni dei volumi particolari sono costituite dal titolo proprio preceduto dal numero di volume, dal complemento del titolo, dalle eventuali responsabilità se diverse da quelle dell'opera generale, dalla data se l'opera completa è stata pubblicata nel corso di più anni, e infine dalla descrizione fisica. Generalmente la descrizione in un solo livello con nota d'indice è usata per le opere divisi in volumi privi di titolo significativo, mentre è opportuno usare la descrizione a più livelli se i singoli volumi hanno un titolo significativo.

Descrizione bibliografica

L'insieme degli elementi che concorrono a definire in modo completo ed univoco un documento bibliografico. Gli elementi costitutivi della descrizione bibliografica sono raggruppati per aree (l'intestazione, l'area del titolo e della formulazione d'autore, l'area dell'edizione, delle note tipografiche, delle note bibliografiche, ecc.).

Desiderata

Libri e materiale bibliografico che gli utenti di una biblioteca segnalano per l’acquisto, compilando l’apposito modulo.

Destinatari

In alcuni cataloghi viene usato un campo per inserire le persone a cui è destinato il libro, il campo Destinatari. Tale campo spesso viene usato nella catalogazione della Letteratura per ragazzi indicando in esso le fasce d’età. Per esempio: Età  0 – 5, Età 6 – 7, Età 8 – 10, Età 11 – 13, Età 14 – 15.

Diacritici e caratteri accentati

In linguistica si tratta di segni grafici che, posti sopra o sotto a una normale lettera alfabetica, indicane che tale lettera deve essere pronunciata con un suono diverso da quello che essa abitualmente esprime. Sono segni diacritici, per es: â, ã, ã, è, ë, í, ü, ç, ecc. Premesso che l’informatica è nata senza accenti e senza caratteri diacritici, nella catalogazione, in linea di massima, è meglio eliminare gli accenti e i segni diacritici, sostituendoli con i corrispondenti caratteri normali.

Diritto d’autore

L’insieme delle leggi e dei regolamenti riguardante le opere d’ ingegno creativo e la tutela dei diritti connessi alla loro utilizzazione.

Disseminazione dell’informazione

L’insieme delle attività organizzative ed esecutive attraverso le quali l’informazione bibliografica viene diffusa agli utenti

Dispensa

Unità bibliografica costituita da uno o più fascicoli diffusi a cadenza periodica attraverso le edicole e destinati progressivamente a comporre un'opera dai contenuti e dalla fisionomia composita, generalmente di carattere enciclopedico.

Dorso

Striscia di tela o altro materiale che unisce i due piatti della copertina di un libro.


Editore

Persona o ente responsabile della pubblicazione di un libro o di un documento.

Edizione

Pubblicazione di un libro. Anche l'insieme delle copie di un libro, stampate con la stessa composizione tipografica.

Emeroteca

Raccolta ordinata di giornali e periodici, generalmente situata in un'apposita sezione della biblioteca, distinta da altre collezioni di libri e documenti.

Emissione

Ogni fascicolo di periodico con numerazione e datazione proprie, oppure copie di una medesima tiratura cui sono state apportate delle modifiche.

Ente collettivo

Qualsiasi organizzazione, istituzione, impresa o gruppo di persone, anche a carattere temporaneo, che abbia un nome con il quale sia formalmente identificata.

Estratto

Tiratura separata di parte di un periodico o altra pubblicazione, talvolta con l'aggiunta di una o più pagine di frontespizio. Può avere paginazione propria o riportare quella originale.

Esemplare

Ogni copia di una edizione.

Ex-libris

Contrassegno indicante il nome del proprietario, posto sulla guardia o sulla copertina di un libro, solitamente sotto forma di motto, stemma o altra rappresentazione grafica.

Explicit

Forma latina (finisce) usata nei codici antichi come parola iniziale della formula conclusiva di un’opera.


Facsimile

Copia fedele di un originale.


Fascicolo (1)

Libro di piccole dimensioni, generalmente con copertina di carta o altra copertina molto leggera.

Fascicolo (2)

Ogni singola parte con numerazione e datazione propria di una pubblicazione periodica o in serie.

Finalino

Fregio tipografico o incisione in fondo a un libro o a una sua parte.

Foliazione

Numero delle pagine di un giornale o periodico e loro distribuzione, generalmente fissa, tra i diversi argomenti.

Fonte

Qualsiasi documento che costituisca una base attendibile per una ricerca di informazione.

Formato di scambio

Formato standard utilizzato per lo scambio di record bibliografici.


Frontespizío

La pagina posta all'inizio di una pubblicazione contenente il nome dell'autore, il titolo completo e, in tutto o in parte, le note tipografiche. Di norma, la pagina del frontespizio è la prima o, più frequentemente, la terza.